Avere un sogno è un privilegio, restargli fedele un dovere, se lo farai trasformerai in VITA una banale sopravvivenza,

questo è ciò in cui credo!

Mi chiamo Martina Pizziconi, per molti Gomì, nome che nasce dalla fusione di ‘gommapiuma’, il materiale con cui costruisco i miei pupazzi e ‘Jadì’, il nome della mia Lupa Cecoslovacca, con cui ho passato un pezzo di vita indimenticabile.

Vivo ormai da tanti annia Bologna, una città che amo, la mia città ma se mi chiedete di dove sono, rispondo Ficullese, le mie origini sono lì, in Umbria.

Ballo lindy hop, pratico Qi gong, adoro il mare e vivo di Pupazzi.

Dopo un inizio da Teatrante all’età di circa 8 anni, quando costringevo gli abitanti di Ficulle a pagare 50 lire per assistere ai miei spettacolini affacciati alla finestra del Vicolo dove abitavo e dopo aver turbato l’infanzia di mia sorella e dei miei cugini con le fiabe che registravo su un mangiacassette che andava a singhiozzi,mi diplomo al Liceo Classico di Orvieto emi iscrivo alla Facoltà di Giurisprudenza di Perugia! La carriera universitaria procedeva benissimo ma il sogno nel cassetto rimaneva il teatro e così un bel giorno, di fronte all’ennesima visione di un cartone animato, decido. Questo voglio fare: pupazzi, vocine, canzoncine, faccine e soprattutto scrivere, inventare storie!

Lavorare e studiare si poteva e quindi parto per Bologna, dove mi destreggio tra esami e servizi da cameriera.

Ben presto, però, mi rendo conto che il Dams non era esattamente un’accademia d’arte drammatica. Devo integrare la teoria con la pratica e così cerco di fare più laboratori che posso:  stage di recitazione, danza e movimento espressivo, drammaturgia, sceneggiatura, riprese video... infine mi laureo in “Istituzioni di regia”. 110 e lode per la tesi, che mi procurò il mio primo lavoro come assistente alla regia di Nanni Garella. Ho lavorato per anni,  prima al suo fianco poi in autonomia, come docente di improvvisazione teatrale, al progetto dell’Ass. “Arte e Salute” e come assistente alla regia per diversi spettacoli prodotti dall’Arena Del Sole  di Bologna: “Sogno di una notte di mezza estate”; “Miseria e Nobiltà”,  “Fantasmi; “I Giganti della Montagna”, “As you like it” ; “Atti Unici Di Pinter”....


Coltivo nel frattempo la mia passione per il teatro ragazzi, dando vita all’ass.  Ambaradan Teatro Ragazzi https://www.ambaradanteatro.it/main.html con la quale dal 2000  ad oggi, ho ideato e realizzato tanti spettacoli, rivolti a bambini 2-10 anni.

Creo spesso spettacoli a richiesta su temi che vanno dall’arte, alla natura  all’educazione alimentare, nel 2019 ho scritto e realizzo lo speakeraggio di una guida per bambini della città di Bologna. Insomma vivere di teatro è  una costante sfida e finora l’ho vinta quotidianamente attraverso ingegno e follia, finché…. un brutto giorno arriva il covid19, sembra davvero un avversario imbattibile per una teatrante, viviamo di pubblico dal vivo! E allora? Chiusa in casa, da sola, gli unici che possono aiutarmi sono i miei compagni di sempre, i PUPAZZI e con loro inizia questa nuova avventura, non più a teatro ma online.

per curriculum .jpg